Gaza senza carburante per gli ospedali. Ma è stato Hamas a distruggere il terminal

By , in Medio Oriente on . Tagged width: , , ,

L’Onu è “fortemente preoccupato” per la mancanza di carburante destinato agli ospedali di Gaza dopo che nei giorni scorsi i terroristi di Hamas hanno distrutto la pipeline che portava il carburante nella Striscia di Gaza.

Con un appello lanciato ieri dall’Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari delle Nazioni Unite (OCHA), l’Onu chiede che le forniture di carburante alla Striscia di Gaza vengano ripristinate al più presto. Solo che da Israele hanno fatto sapere che le distruzioni perpetrate da Hamas sono così gravi che ci potrebbero volere dei mesi per ripristinare l’afflusso di carburante. E poi non si capisce perché debba essere sempre Israele a farsi carico dei danni provocati dai terroristi di Hamas.

Nei giorni scorsi, a causa delle manifestazioni violente degli abitanti di Gaza, Israele ha chiuso anche il valico di Kerem Shalom, cioè l’unico da dove passano gli aiuti umanitari per la Striscia di Gaza. Gli abitanti possono ringraziare Hamas.