Propaganda turca senza vergogna. Usano bambini curdi per mostrare la “bontà” dell’esercito

By , in Medio Oriente on . Tagged width: , , ,

Non conosce vergogna la propaganda turca e arriva a usare i bambini curdi per mostrare al mondo quanto sono buoni i soldati turchi.

I media turchi (qui e qui due esempi) oggi hanno dato particolare risalto alla storia del villaggio siriano di al-Bab Khirbet Al-Shaeer il quale, raccontano, ha espulso i “terroristi” curdi del YPG, cioè gli stessi che hanno liberato il villaggio dall’ISIS. In sostanza, secondo i media legati al regime turco, al loro arrivo nel villaggio siriano i militari turchi sarebbero stati accolti dalla popolazione festante e “finalmente liberata”.

Difficile da credere che una popolazione liberata dai curdi dal giogo dell’ISIS festeggi l’arrivo dei loro sostituti, ma è quello che ci vogliono far credere i media del regime turco e per dimostralo pubblicano una voto dove si vede una bambina curda che offre a un soldato turco quello che sembra essere un fiore. Un patetico tentativo di mostrare che la strage di curdi che sta avvenendo ad Afrin è giustificata dalla “liberazione” della popolazione. Una popolazione che intanto fugge dai turchi più che dai combattimenti. Oltre 200.000 le persone che stanno andando verso le postazioni dell’esercito siriano per sfuggire alle violenze delle milizie islamiche al soldo di Erdogan. Altro che fiorellino.