Turchia: attaccati studenti che protestavano contro invasione di Afrin

By , in Medio Oriente on . Tagged width: , ,

Avevano esposto alcuni cartelli nei quali c’era scritto «non ci può essere delizia turca per un’occupazione e un massacro» con riferimento all’occupazione dell’area curdo-siriana di Afrin da parte della Turchia e avevano attaccato verbalmente alcuni studenti che ieri celebravano “il piacere turco” per la vittoria di Afrin. Per questo alcuni studenti universitari questa mattina sono stati presidi mira da studenti appartenenti al partito di Erdogan i quali hanno anche organizzato una manifestazione.

«Non vogliamo terroristi e sostenitori di terroristi nei nostri campus» ha detto Mehmet Akif Güdek, portavoce della sezione giovanile del partito di Erdogan di fronte a decine di studenti che manifestavano contro chi osa contestare la linea del dittatore turco. Mehmet Akif Güdek ha poi chiesto al suo partito di “essere più incisivo nel controllo delle università” chiedendo “l’eliminazione” (non si sa se fisica o altro) dei dissidenti.

Lunedì scorso all’università di Boğaziçi c’era stato un altro scontro tra sostenitori di Erdogan e chi si opponeva alla strage di Afrin, scontro finto con l’arresto di tre studenti, naturalmente oppositori di Erdogan.